Crea sito

Ginepro…l’albero protettore

Il ginepro (Juniperus) è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Cupressaceae che comprende il ginepro comune, ma anche tante altre specie apprezzate per la qualità del legno dell’arbusto (Juniperus virginiana) o come piante ornamentali (Juniperus sabina e Juniperus rigida).

ginepro_2-900x675

Il Juniperus communis, noto come ginepro comune o semplicemente ginepro è un arbusto sempreverde, di altezza compresa tra 1 e 10 metri, con foglie aghiformi e bacche (o coccole) blu-viola ricoperte da una pellicola opaca chiamata pruina. Le bacche di ginepro sono in realtà coni denominati ‘galbuli’.

Ginepro_Olio_Essenziale1

Una volta maturi, sono estremamente dolci e succosi e il loro profumo ricorda decisamente quello del gin, il che li rende perfetti per aromatizzare carni, salumi e arrosti, aromatizzare il pane, preparare ottimi distillati e acquavite, insaporire le pietanze a base di pesce e patate.

Tagliata con bacche di Ginepro, alloro, rosmarino e olio bollente

In Italia è molto diffuso sulle Alpi ma anche sull’Appennino fino al Lazio e in Sardegna.

Coltivazione

cipresso_azzu_pack

Una posizione soleggiata risulta gradita a questa pianta che si ambienta comunque senza difficoltà anche a mezz’ombra.

La moltiplicazione può avvenire per semina o per talea, ambedue da effettuarsi all’inizio dell’autunno. Anche il metodo della propaggine da ottimi risultati. Poiché‚ le piante possono essere maschili o femminili, per essere certi del genere della nuova pianta è necessario ricorrere alla talea.
CRESCITA:
Al momento di mettere a dimora un ginepro è bene aver cura di scegliere una specie adatta al clima locale. Il terreno d’impianto andrà concimato con un certo anticipo con un fertilizzante organico e la nuova pianta andrà irrigata regolarmente durante i primi due anni, mentre in seguito sarà necessario annaffiare solo in caso di siccità. La concimazione va sempre eseguita in autunno.
RACCOLTA:
Il periodo della raccolta è l’autunno, tra settembre e ottobre, e le bacche vanno poi fatte seccare all’ombra.
CONSERVAZIONE:
Gli steli tagliati devono venir essiccati all’ombra, in un ambiente secco e ventilato; in questo modo manterranno a lungo intatto il caratteristico stimolante profumo.

Proprietà e benefici del ginepro

bacche-di-ginepro-proprietàIl ginepro ha numerose virtù: è stomachico e masticarne le bacche facilita la digestione, è un antisettico naturale per le vie urinarie e respiratorie (utile per la cura della calcolosi urinaria, per sedare la tosse o come espettorante) e ha proprietà antireumatiche, spesso infatti l’olio essenziale di ginepro viene usato per massaggi. Massaggiare il corpo con olio di ginepro aiuta a rilassare i muscoli contratti, a previene i crampi e a tonificare i tessuti connettivi.

Il ginepro è sempre stato considerato dalla medicina popolare un rimedio naturale per la cura di diversi disturbi e nel XIX secolo l’abate tedesco Sebastian Kneipp suggeriva ai malati di influenza di avvolgersi in una coperta riscaldata ai vapori di una pentola in cui venivano fatti bollire bacche e rami di ginepro.

tisana-ginepro

Ecco qualche indicazione per sfruttare al massimo i benefici di questa preziosa pianta:

  • Per preparare un infuso di ginepro lasciare in infusione per 5 minuti delle bacche di ginepro (15gr) schiacciate in 1 litro d’acqua bollente. Bere 2 tazze al giorno di questo infuso favorisce la diuresi, calma la tosse e purifica le vie urinarie.
  • Lasciando macerare per 2 settimane 10gr di bacche schiacciate in 1 litro di vino bianco con una scorza di limone si otterrà un macerato di ginepro che, assunto dopo i pasti (ne basta un bicchierino), previene bruciori di stomaco e meteorismo.
  • L’olio essenziale di ginepro è perfetto per un massaggio rilassante ed emolliente, soprattutto se unito a quello di mandorle o di jojoba.

Calorie e valori nutrizionali del ginepro

100 g di ginepro contengono 10 kcal.

Inoltre, contengono resine, pectine, zuccheri invertiti, inosite, olio volatile e gineprina.

Uso in cucina

13430

Il ginepro era molto amato già al tempo dei Romani e Apicio lo indicava come spezia indispensabile nella cucina di un cuoco e ottimo sostituto del pepe.

Le bacche del ginepro hanno un sapore acidulo per questo smorzano bene cibi forti come la selvaggina e i crauti. Molto apprezzate anche per insaporire preparazioni di patate o pesce al cartoccio.

Molto utilizzato nella preparazione di alcolici facendo fermentare il succo delle bacche e quindi distillando (gineprato e acquavite di ginepro) e per fare liquori tramite distillazione dello spirito sulle bacche (gin).

Il legno del ginepro è molto profumato, per questo viene usato per affumicare i salumi (è il caso del rinomato speck del Trentino) e posto nei forni a legna per dare aroma al pane durante la cottura.

Curiosità sul ginepro

Il nome ginepro deriva dalla parola celtica juneprus che significa “acre”.
Il detto “trovarsi in un ginepraio” si riferisce ai rami intricati del ginepro e alle sue foglie pungenti per indicare metaforicamente una situazione difficile e problematica. Protagonista di una favola dei fratelli Grimm e di diverse storie e credenze popolari, questa pianta sarebbe stata l’unica (secondo una leggenda medioevale) a dare riparo alla Sacra Famiglia durante la fuga in Egitto e per questo il ginepro fu benedetto dalla Vergine.

La tradizione popolare ha sempre attribuito al ginepro il potere di tenere lontane streghe e spiriti maligni, per questo i suoi rami venivano appesi alle porte delle stalle per preservare la salute del bestiame, venivano posti sul tetto delle case appena costruite e Greci e Romani li bruciavano come fossero incensi per purificare l’aria.

Il legno di ginepro veniva utilizzato per costruire utensili da cucina, così da inebriare del suo dolce aroma tutte le pietanze che si preparavano, un esempio era il mestolo per girare la polenta.

Spatole_legno_ginepro

Alcuni arbusti di ginepro (Juniperus rigida e Juniperus chinensis) vengono utilizzati in Giappone nell’arte Bonsai poiché permettono di ottenere forme molto originali e ardite.

8f72f9fad93ebabcbd1f8779f5335066

Le piante di ginepro NON sono tutti commestibili, esistono delle specie velenose come il Juniperus sabina (ginepro sabina).

You may also like...